La spirale

gennaio 31, 2009

spirale

L’idea dell’eterno ritorno è misteriosa e con essa Nietzsche ha messo molti filosofi nell’imbarazzo: pensare che un giorno ogni cosa si ripeterà così come l’abbiamo già vissuta, e che anche questa ripetizione debba ripetersi all’infinito! Che significato ha questo folle mito?
Il mito dell’eterno ritorno afferma, per negazione che la vita che scompare una volta per sempre, che non ritorna, è simile ad un’ ombra, è priva di peso, è morta già in precedenza, e che sia stata essa terribile o splendida, quel terrore, quello splendore, quella bellezza non significano nulla…
… Diciamo quindi che l’idea dell’eterno ritorno indica una prospettiva dalla quale le parole appaiono prive della circostanza attenuante che ci impedisce infatti di pronunciare un qualsiasi verdetto. Si può condannare ciò che è effimero?

L’insostenibile leggerezza dell’essere, Milan Kundera

È la nostalgia che ci frega. Quando vediamo partire un amico o quando ci dobbiamo allontanare da qualcuno fisicamente o solo con i sentimenti. Ma i sentimenti tornano e visto che noi in fondo non cambiamo mai, tornano anche le stesse situazioni che quei sentimenti hanno visti nascere. Succede anche con persone diverse e anche con chi non pensavi di sentire così dentro. Succede che soffriamo allo stesso modo perché viviamo i sentimenti allo stesso modo e allora diciamo “mi innamoro sempre degli stronzi”. Ma il circolo dell’eterno ritorno non riguarda gli “stronzi”, riguarda noi e il nostro modo d’amare. E nessuno è stronzo, ma siamo noi ad essere innamorati dell’amore.
Succede che il dolore unisca e che quest’unione dia il via ad un’altra nascita. Succede che questa rinascita divida le vite, ma non i sentimenti. Succede che i sentimenti si scindano: amicizia, amore. E allora comincia la spirale: chi insegue l’amore e chi insegue chi insegue l’amore. A vederla da fuori è una situazione paradossale: storie che si ripetono e non si incontrano mai. A vederla da fuori uno pensa che sarebbe più semplice che i treni invece che sui binari viaggiassero sui roller blade. Ma il cuore non è fuori e a volte non ci sa nemmeno guardare, fuori dal suo mondo.

Vista da fuori sono due persone che vivono i sentimenti allo stesso modo e che condividono le regole dell’amore, anche quelle scritte sui baci perugina. Ma da dentro succede che le leggi non valgano per ogni situazione e che talvolta si escludano a vicenda. La spirale si fa sempre più contorta. Chi scappa fa giri sempre più stretti, per disorientare chi segue, che è cieco, e quindi non si può perdere perché non usa gli occhi per seguire la strada, ma il cuore. Qualcuno ci ha insegnato che bisogna lottare per amore, qualcuno lo ha scritto. Qualcuno che non sapeva che esistono i cerchi paralleli, le spirali o addirittura i vortici. O qualcuno che nel vortice ci s’è buttato e ne è riemerso con il suo desiderio tra le mani. C’è da scommetterci che tutti pensano di essere quest’ultimo qualcuno. Ma se fosse così vedremmo tutte le persone illuminate dal loro desiderio raggiunto. Invece succede che il desiderio non sia qualcosa che ci appartiene, quando questo desiderio è la vita di un altro. Un altro che desidera la vita di un altro che desidera… altro. La spirale si avvolge ancora e quello che credevamo essere il superpotere dell’amore si sgretola e diventa quel puntino lontano che chiamiamo infinito.

E non è colpa di nessuno, se non di quella forza primordiale che ha dato vita al MOVIMENTO!

Succede che l’unica cosa che possa trasformare la spirale in cerchio sia l’amicizia.

Giada

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: