Se invece lo facessi ti sarebbe più difficile vivere da solo…

settembre 27, 2008

John: È una ragazza emotiva io le correrei dietro.
Larry: Non credo che lo farò.
John: Ah no? Se invece lo facessi ti sarebbe più difficile vivere da solo.

Larry: Ally non scappare da me, non scappare dai sentimenti che provi. Credi che non sia spaventato? Sono uscito con una donna sbagliata dietro l’altra, è diventata quasi un’abitudine ed ora, ad un tratto, ne trovo una che forse è quella giusta. È terrificante.
Ally: Senti vuoi sapere quanto sono spaventata io? Da quando usciamo insieme praticamente passo da un’ossessione all’altra, sono ossessionata sopratutto dall’idea di aver dimenticato come si bacia. Che ne pensi di questo?
Larry: Bhè, forse è il sintomo di qualcos’altro… Ascolta quando ti ho vista la prima volta mi sei sembrata una persona che piuttosto aveva dimenticato come si fa ad amare. E a essere amati… Ti ricordi cosa significa avere un legame con un uomo?
Ally: Cosa cerchi di dirmi Larry?
Larry: Forse la cosa che ti spaventa di più è quello che non sai…

Larry (arringa): Ci sono delle persone talmente abituate a vedere che le cose vanno male che ormai si trovano più a loro agio davanti a un fallimento che a un successo. (rivolto ad Ally) Le cose possono funzionare. Non occorre fare altro che lasciarsi andare, tutto qua.

Larry: ‘possiamo uscire qualche volta sarebbe carino?!’ E credi che starò ad aspettare che tu organizzi il programma? Tu hai paura dai quello che c’è tra noi ma io non ne ho.

Ally: Larry tu hai visto solo la punta dell’iceberg della mia nevrosi, sono completamente pazza.

Larry: E cos’altro?

Ally: Sono una vera megalomane.

Larry: E cos’altro?

Ally: Vanitosa

Larry: E cos’altro?

Ally: Bellissima. E questo è positivo.

Larry: E cos’altro?

Ally: Forse sono incapace di permettere ad un uomo di amarmi.

Larry: Dovremmo lavorare su questo.

Ally: Hai un’idea del guaio in cui ti stai cacciando? Ho paura di lasciarmi andare.

Larry: Dovremmo lavorare anche su questo.

(Bacio)

Larry: Direi che ti ricordi come si fa.

Ally: Allora ci vediamo domani?
Larry: Ci vediamo domani.
Ally: E… anche dopodomani?
Larry: Anche dopodomani.

Da Ally McBeal 4° serie, L’ultima vergine.

Biscottino ha sempre ragione… Anch’io appena ho visto Larry ho pensato “È lui”. E quello che mi piaceva del loro modo di stare insieme era il loro modo di prendersi in giro e di ridere e di essere dolcissimi nel completare l’uno i bisogni dell’altra.

Billy era stato un’altra cosa. Lei era rimasta innamorata del ricordo di Billy, della sua idea, che per quanto mi riguarda credo non fosse mai esistita. Amava una persona che aveva davanti solo perché aveva il corpo di chi aveva amato. Ma era un altro. E forse anche lei era un’altra.

Larry esiste ed è reale. Non è un’idea. Larry può finalmente farla smettere di lottare per essere amata.

E non mi faccio tutte questi film mentali per niente! (Considerando pure che dovrei essere a studiare!) Ma perché credo che si avvicini molto ad alcune situazioni che più o meno tutti hanno avuto. Da una parte forse c’è anche da considerare il fatto che noi amiamo fare gli psicologi di noi stessi (io più di tutti) e quindi è facile farsi prendere dalla foga professionale e andare a vedere legami e intrecci inconsci dove non esistono. Ma anche se fosse, per chi ha un po’ di tempo da perdere, non c’è niente di male a immaginare!

Per esempio. Quando sentivo parlare della “paura d’amare” rabbrividivo perché mi sembrava una cosa talmente finta e sdolcinata da far venire la nausea. E invece, tac, esiste! E anche se penso ancora che spesso venga rappresentata in modo decisamente troppo drammatico, ci si può cadere, evviva!!

Forse la mia non è proprio paura d’amare. Un po’ di diffidenza nei confronti delle relazioni mi è venuta, ma credo che quello che più mi blocca sia l’essermi accorta che il mondo è pieno di persone che non ti meritano. Quanto piccola è la probabilità di incontrare proprio la persona che non ti farà soffrire? Un po’ bisogna ridimensionarlo questo sentimento perché sennò i fallimenti fanno troppo male. E magari ora un po’ di paura ce l’ho a pensare che incontrerò qualcuno e gli “lascerò in un minuto tutto quel che ho” (tanto per citare anche De Gregori) per poi ritrovarmi in una storia già vista.

Però so che in fondo in fondo, l’incoscienza di voler essere innamorata c’è ancora. Avrà solo bisogno di un po’ di tempo per riprendersi. So che mi dovrò impegnare per applicare fino in fondo quello in cui credo, che tutte le persone sono diverse e che per nessun aspetto della loro vita possono essere categorizzate, generalizzate o discriminate.

Amen 🙂

Giada

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: