…Tutti i film della mia vita…..

aprile 4, 2008

cinema_pellicola00-b.jpg

Sono i gioielli della mia vita. Quelli che ricordo con più affetto, che mi sono entrati dentro, sono ormai cose a cui non potrei più rinunciare. Il cuore di Mathilde che pulsa nella mano di Menech (una lunga domenica di passioni), i sogni liberi di sconfinare nella realtà (l’arte del sogno), la lotta contro la propria mente per difendere un amore (se mi lasci ti cancello), il racconto della vita come una favola meravigliosa (big fish), la rabbia per un ragazzo che viene ucciso nel silenzo, in un’ Italia che vuole dimenticare la mafia e in quel giorno commemora solo Aldo Moro (i 100 passi), il dubbio tra il bene e il male, tra l’amore e la violenza, tra la vita e il coma (parla con lei), la consolazione di un affetto involontario e inspiegabile che non vuole niente in cambio, solo sentirsi meno solo (le vite degli altri), quel dolore talmente assoluto che sembra che ti fermi il cuore (tutto su mia madre), il desiderio di vendetta che ti svuota dalla rabbia e che puoi permetterti di provare perchè è solo un film (dogville), la semplice quotidianità della guerra e della povertà (Roma città aperta), la dolcezza di chi nasconde la sofferenza in una ingenuità da bambina (colazione da Tiffany), una storia d’amore che è semplicemente unica nella sua normalità e la difficoltà a rinunciare a quella normalità (io e Annie), la stupidità esilarante (la cena dei cretini), Humphrey Bogart che insegna a vivere come in Casablanca anche ai più imbranati (provaci ancora Sam), una colonna sonora che smuove l’anima (lezioni di piano), la perfezione dei bambini (essere e avere), un abbraccio bellissimo e inteso tra follia e amore (prendimi l’anima), la comicità nelle cose di tutti i giorni (febbre a 90, about a boy), il confine tra ciò che è giusto o sbagliato in vite lontane che in fondo sono anche le nostre (fa’ la cosa giusta ), l’olocausto che diventa un tenero racconto ( train de vie), la presa di coscienza di aver buttato via la tua vita per una cosa stupida (la 25° ora), la voglia di spaccare il mondo (lavorare con lentezza) ecc… ecc… ecc…

Non è solo intrattenimento, non è solo alleggerire una giornata faticosa, distrarsi, i film possono insegnare a vivere, possono e devono farci anche piangere, incazzare, odiare. Anche l’amore, non ha sempre il solito colore delle storie per gli adolescenti di oggi, che comunque sono molto più intelligenti di quanto questi filmetti vorrebbero rappresentare. Alcuni cercano solo di farsi rassicurare dai film con il lieto fine, con la storia d’amore che arriva al “ti amerò per sempre”. Io vado a momenti: a volte ho voglia di sentire che la magia esiste, a volte ho voglia di pensare, di capire il mondo dal punto di vista soggettivo di chi vive cose che mi sembrano incomprensibili, a volte ho voglia di leggerezza, a volte ho voglia di ridere, di aver paura, di svuotarmi, di vedere semplicemente un bel film, o di farlo vedere a qualcuno…

https://giadinskj.wordpress.com/film/

questa è la mia lista, eternamente incompleta!

Giada

Annunci

8 Risposte to “…Tutti i film della mia vita…..”

  1. i7auri2io said

    dei film citati ho visto solo ‘febbre a 90′(beh vabbe’ io ero peggio di lui,seguivo 5-6 partite a settimana)e la 25a ora. Dai, già definire un film nn è il massimo; definire la 25a “la presa di coscienza di aver buttato via la tua vita per una cosa stupida” nn mi sembra molto efficace.Qale sarebbe la cosa stupida?Il protagonista,Monty,nn dice mai ke nn doveva fare qel ke ha fatto.Qel ke ho visto io è solo l esposizione dei pensieri ke potrebbero sorgere in ognuno d noi sapendo ke qello ke stiamo vivendo è il nostro ultimo giorno d vita*.Un faccia a faccia con la morte senza moralismi,sentendosi impotenti, con la rabbia di mandare in malora tutti, se stessi in testa, come accade nella scena in bagno.Adoro qando un storia inizia dal mezzo e nn va da nessuna parte.Monty secondo te andrà davvero in carcere o ascolterà il padre?Dovresti vedere CASINO’ di martin scorsese.Anke lì nessuna condanna,nessuna redenzione.Ritornando alla 25a..il senso di disperazione ke nn ti lascia scampo ke viene descritto mi ricorda il finale del L ANGELO AZZURRO.Un professore ke vedo l umiliazione piovere su di lui goccia a goccia e non aver rimedio alcuno.Mi piacciono le storie di perdenti,anke xké non credo nei vincitori e vinti:perciò altri film ke mi sento di suggerire a te e a kiunqe sn: DOLLS,BELLA BIONDA E DICE SEMPRE DI SI,MALEDETTO IL GIORNO CHE T HO INCONTRATO,IL TALENTO DI MR RIPLEY,LE CONSEGUENZE DELL AMORE,L ESERCITO DELLE 12 SCIMMIE,TOKIO FIST(se lo trovate),ROUNDERS,ERA MIO PADRE,PROVA A PRENDERMI .. tutte storie di xsone ke agli okki dei+ appaiono come xdenti o cattivi esempi .. di solito qando parlo di film non dimentico mai LA FORESTA DEI PUGNALI VOLANTI, e neanke qesta volta lo faccio!
    ciao

    *c é una puntata cult dei simpson dal tema analogo, Homer mangia del pesce velenoso e gli resta un giorno di vita 🙂 🙂 🙂

  2. giadinskj said

    mi sa che abbiamo gusti e opinioni un po’ diverse in merito ai film. alcuni di quelli che hai citato li ho visti e non mi è sembrato il caso di inserirli. Tipo era mio padre, l’ho trovato un po’ troppo pretenzioso (nelle numerose citazioni di cui non sempre si rivela all’altezza) e senza niente di nuovo da dire, personaggi abbastanza scontati, nessuno che mi abbia stupito o lasciato qualcosa di particolare. Un film non brutto, che si può vedere, ma che personalmente ho dimenticato in fretta. Spielberg non mi entusiasma come regista. Ottima tecnica, sicuramete, per quel poco che ne capisco (ci mancherebbe che affermassi il contrario!!), ma lo trovo sempre poco personale, troppo lineare e narrativo (con le dovute eccezioni). Per quanto riguarda la 25 ora credo che non sia un caso che Monty non sia un serial killer, uno stupratore o un torturatore di bambini. Secondo me il motivo per cui sta per finire in carcere ha il suo peso, sennò sarebbe un altro film (death man walking per esempio). Quando ho detto “cosa stupida” non volevo certo dare un giudizio morale: è come dire un incidente, una cosa che sarebbe potuta andare diversamente (lui stesso è sul punto di smettere di spacciare, non pensa di arricchirsi all’infinito, anche perchè è uno spacciatore abbastanza piccolo). Credo che il film sia molto realistico perchè dimostra come quando le cose vanno bene non si vuole pensare alle conseguenze negative che pure ti possono stravolgere la vita. Ce ne sono una marea di ragazzi che pensano di fare soldi così e sono dei normalissimi ragazzi nella vita, come Monty, non certo dei mostri. Non ci sono moralismi. Il protagonista non è il cattivo e dallo sviluppo del film mi sembra evidente che non si vuole dimostrare che si merita quello che gli sta succedendo, ma credo che una domanda affiori di fronte a tutto il reso conto della sua vita e al suo addio a quest’ultima: “ne valeva la pena?le cose potevano andare diversamente?”. Più che rabbia, che in certi momenti mi sembra ovvia, credo che il film mostri più l’essere sconsolato e la rassegnazione. Come dice il Morandini “Anche la sua invettiva xenofoba e misantropa allo specchio contro tutta New York e le sue componenti etniche è uno sfogo, non una ribellione”. Poi ci sono tante riflessioni che emergono e credo che siano quelle che rendono il film veramente pregevole: la questione della corrispondenza punizione-colpa (un po’ come fuga di mezzanotte), l’impietosità della legge, che con considera l’umanità delle persone (buoni o cattivi) e alla fine colpisce un po’ a caso perchè nessuno dei personaggi che girano intorno al protagonista può essere considerato “innocente” o migliore di Monty e il dramma del carcere, mostrato come un vero e proprio DRAMMA anche se 7 anni possono essere considerati “pochi”. Un solo giorno di carcere è pure troppo a mio modo di vedere. Sono d’accordo sul fatto che tutti ci troveremmo nello stesso turbinio di pensieri se vivessimo il nostro ultimo giorno. Forse, anche se non siamo colpevoli, nemmeno nessuno di noi è innocente.

    ps: la mia non era una descrizione del film, era un riassunto telegrafico di uno degli aspetti che mi hanno colpito 😉

  3. i7auri2io said

    non volevo essere assolutista dandoti il mio punto di vista.I film ke ho nominato cmq hanno detto qalcosa a me in base al mio vissuto. Tokio fist è un film piccolo, credo ke in italia l hanno visto 7 xsone. Io l ho visto a fuori orario alle 3 d notte. Probabilmente la maggior parte delle xsone vedendolo direbbe ke è rocky dei poveri. Non so, a me è piaciuto, e mi è piaciuta la consapevolezza di Tsuda di non poter vincere ma di farsi pestare cmq.Magari è un film x perdenti.Lo stesso vale x gli altri film; nn so se oggettivamente sn bei film, ma a me hanno dato qalcosa

    ps in era mio padre mi piace il personaggio di jude law .. ha un macabro fascino

  4. giadinskj said

    Anche a me tendenzialmente piacciono gli anti-eroi, infatti come attore adoro johnny depp (non solo perchè è bellissimo giuro!). E anche jude law sicuramente è il personaggio più intenso del film e pieno pieno di fascino (in questo caso macabro!). Anche lui un grande.

  5. i7auri2io said

    prima o poi scoprirò cosa trovate tutte di “bellissimo” in johnny depp..sembra sempre un ragazzino..jude law,x carità,alzo le mani,poi qando recita ha ancora più fascino, ma depp x me resta un mistero!Mi piace tanto come recita in edward.mani.di.forbice,meno in sleepy hollow..ma bello..è carino,il viso pulito ke ogni brava ragazza sogna,ma proprio non me lo vedo cm seduttore..secco secco! (lo so ke mi beckerò un po’ d insulti,ma fa nulla)

  6. giadinskj said

    secondo me lo rende bello il fatto che non è mai un bravo ragazzo. Il viso magari è pulito ma gli occhi… hanno qualcosa di magnetico. Non ci vuole il fisico per essere affascinanti per me, basta lo sguardo e il suo fa venire la pelle d’oca!!!! E’ bellissimo, via… non c’è altro da dire!

  7. i7auri2io said

    ..allora è qestione di sguardi! (“Senti come si colora questa notte che poi mai più/Senti cosa si respira,vorrei dirti eh… vorrei che tu/Non sarà per una sera, che domani ancora noi/Che domani torni,che va bene così/Tu per come mi parli,tu perché siamo qui/E’questione di sguardi
    è, ah.. un attimo così, così lunatico così, così fantastico,così, così..”)
    ..forse dovrei passare ank io alla matita x gli okki, magari fa miracoli! 😉

  8. giadinskj said

    tentar non nuoce!
    in bocca al lupo, allora per le conquiste future!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: